Ufficio IAT   800545333

Chiesa del Carmine

Qui è ubicato il Presepe in pietra policroma dello scultore rinascimentale Stefano da Putignano.

P N

Chiesa del Carmine e il Presepe di Stefano da Putignano

Sebbene la Chiesa del Carmine si presenti con una facciata settecentesca, divisa in due ordini e decorata da due statue, lesene e pinnacoli, l’edificio è in realtà più antico, risalendo la sua fondazione agli inizi del Cinquecento. Al suo interno la chiesa è divisa in tre navate, quella centrale terminante con un’abside nella quale campeggia la tela raffigurante la Madonna del Carmine con Santi e confratelli. Sulle navate laterali si aprono le diverse cappelle, l’ultima delle quali sulla sinistra è dedicata a San Michele Arcangelo. Qui è ubicato il Presepe in pietra policroma dello scultore rinascimentale Stefano da Putignano. Degno di menzione è il chiostro del convento annesso alla chiesa, con affreschi raffiguranti scene bibliche del profeta Elia.

Opere e reperti contenuti: Madonna del Carmine con Santi e confratelli (1860); presepe in pietra policroma dello scultore rinascimentale Stefano da Putignano (Sec. XVI); Madonna col Bambino che appare a Sant’Andrea Avellino (Sec. XVII).

Nella chiesa è stata di recente rinvenuta una cripta sottostante

Indirizzo: Via C. Mastropaolo
Telefono: (+39)800545333 – (+39)0995623866
E-mail: sportelloturistico@comune.grottaglie.ta.it

Dove si trova

La Chiesa di San Francesco De Geronimo

La Chiesa di San Francesco De Geronimo

Edificata nel 1832 e proclamata Santuario nel 1941, la chiesa è dedicata al santo di origini grottagliesi Francesco de Geronimo, di cui ne conserva le spoglie e la casa natale.

LEGGI

Il Quartiere delle ceramiche

Il Quartiere delle ceramiche

Uno scenario unico al mondo: nel fossato di un castello del 1400, da centinaia di anni, artigiani ceramisti plasmano e decorano l'argilla.

LEGGI

Il Museo della Ceramica

Il Museo della Ceramica

Ospitato presso il Castello Episcopio e' il più importante museo pugliese sul tema dell'arte delle ceramiche e rappresenta il connubio tra quest'antichissima arte e la cittadina jonica.

LEGGI